Il mio tempo con Fred a Edwards Island

Proprio di fronte allo stretto di Foveaux che separa l'Isola del Sud della Nuova Zelanda dall'isola di Stewart, molto più piccola, si trova un piccolo gruppo di isole conosciute come le isole Titi (uccello montone o berta fuligginosa) e tra queste c'è l'isola di Edwards. Perché quest'isola sia un luogo così caldo per i grandi bianchi è difficile da dire dato che molte isole della Nuova Zelanda hanno foche lentigginose lungo le loro coste e la costa orientale dell'Isola del Sud ospita migliaia di foche.

Come ho passato il mio tempo con Fred a Edwards Island

foca snorkeling città del capo

Resta comunque il fatto che i ricercatori della zona hanno chiaramente dimostrato che l'isola di Edwards è il regno preferito dai Grandi Bianchi.

Dopo aver visitato le famose grandi roccaforti bianche del mondo in Africa, Nord America e Australia.

La Nuova Zelanda era in cima alla mia lista di visite per vedere come, se non del tutto, il comportamento differiva qui da altre località. Il piccolo porto di Oban è da dove la nostra barca "Argo" percorre le 4 miglia fino all'isola di Edwards. Questa piccola isola sembra essere stata persa per due decenni poiché la vita è notevolmente più lenta e i 350 residenti apprezzano chiaramente lo stile di vita rilassato.

Prima ancora di arrivare all'isola di Edwards, Monique ed io siamo già super eccitati. Sulla nostra scia, i magnifici albatro Shy e Bullers attraversano il nostro cammino in una celebrazione della poesia aerea.

Questi magnifici uccelli, con un'apertura alare fino a 9 piedi nel caso dello Shy albatross, sono i re e le regine delle tempestose onde radio delle basse latitudini intorno all'isola di Stewart.

L'Argo è di per sé una storia. Quasi 70 anni è stata un peschereccio da traino, una barca da pesca con lenza e oggi una nave per immersioni e avvistamento di squali. Niente come le moderne navi da immersione in gabbia in uso in Sud Africa, e altrove, sono le sue vecchie linee, i cannoni in legno e la barca da lavoro completa di timoneria classica, bussola massiccia e salpa ancora che ti fanno sentire come se stessi tornando indietro nel tempo.

Immersioni nella gabbia degli squali dell'isola di Nettuno

Aaaaargh, amico, prepara il burley e preparati a camminare sull'asse, aye c'è un grosso pesce affamato laggiù che ti aspetta! 

Non appena abbiamo gettato l'ancora e Peter Scott, il nostro capitano e pioniere delle immersioni con gli squali in Nuova Zelanda, ha gettato un pezzo di alalunga, un magnifico Great White è scivolato nella nostra slick. Questa è stata la nostra prima visione della popolazione di Grandi Bianchi più conosciuta del sud del pianeta.

Eravamo ancorati in 6 braccia d'acqua (12 m o 40 piedi) e il fondo, che presto avrei scoperto, era ricoperto da lussureggianti alghe di diverse tonalità che si ancoravano a un campo di massi di rocce di diverse dimensioni.

Le diverse dimensioni dei massi dovevano essere importanti poiché una delle mie missioni era camminare lungo il fondo in un dispositivo noto come WASP. Ero in Nuova Zelanda come co-presentatore di a Discovery Channel mostra Called Air Jaws , alla ricerca di Colossus. Lo spettacolo cerca di scoprire dove si è trasferito un enorme squalo bianco che abbiamo visto fare irruzione e cacciare a Seal Island in Sud Africa e mentre era una possibilità molto lunga, la Nuova Zelanda con il suo rapporto altamente segregato di maschi di squalo bianco all'inizio dell'autunno australe era essere uno dei nostri punti di ricerca.

Il WASP era una gabbia per squali sommergibile molto ben progettata e mi sentivo abbastanza al sicuro, nonostante le sue piccole dimensioni. Dovevo camminare sul fondo del mare e vedere cosa stavano facendo i grandi bianchi laggiù quando non erano in superficie e sperare contro ogni speranza che uno degli squali che avrei incontrato sarebbe stato Colossus.

Il mio primo soggiorno negli inferi degli squali è andato bene. Ho avuto diversi squali che vanno da 10-14 piedi che si sono avvicinati molto e mi hanno controllato. È stata un'esperienza epica, mi sentivo come se stessi camminando sulla luna perché dovevo arrampicarmi sulla mia gabbia ambulante sulle rocce, attraverso i crepacci e tra le alghe, spostandomi continuamente in direzioni diverse da vari gradi di corrente

Ciò che fu immediatamente evidente fu quanto gli squali fossero a loro agio l'uno con l'altro laggiù e lungi dall'essere cauti intorno al WASP, come avevo immaginato con un oggetto estraneo, gli squali erano curiosi. Ho avuto lo strano urto gentile e molti sguardi superficiali, ma a parte essere molto eccitato dalla novità di quello che stavo facendo non è successo niente di spiacevole.

UN SECONDO DOPO, BONNNNNNNG. FRED MI HA COLPITO IN PIENO, CON PROBABILMENTE 3000 CHILI DI MUSCOLI CURIOSI.

Quando la mia aria ha iniziato a scarseggiare mi sono diretto verso la superficie e in un modo molto poco dignitoso sono stato issato fuori dall'acqua sbattendo mentre ero sotto una gru. Tutto sommato però era stato molto divertente e non vedevo l'ora della mia prossima missione.

come scegliere una destinazione per le immersioni in gabbia di squali

Il giorno seguente ha prodotto ancora una volta ottime condizioni, anche se la visibilità a 15-18 piedi non era così eccezionale. Prima di entrare nel WASP, un maschio di quasi 5 metri noto al mio subacqueo di sicurezza e ricercatore di squali locale Kina come "Fred" è venuto a salutarmi. Dominava tutti gli altri squali e speravo che quando ero sotto mi desse il piacere della sua compagnia, non dovevo certo rimanere deluso.

Come parte dello spettacolo, una seconda gabbia è stata abbassata con il noto cameraman e veterano degli squali Andy Brandy Cassagrande che mi filmava mentre facevo le mie cose tra gli squali. L'idea qui era che si librassero sopra di me e io camminassi sul fondo mentre filmavano. Il problema però era che nel momento in cui ho toccato il fondo mi sono mosso in modo diverso da come facevano loro perché erano ancora legati alla barca e in balia dell'Argo mentre si muoveva con vento e corrente all'ancora.

Tutto è iniziato bene e non appena ho toccato il fondo, due grandi bianchi di 10-12 piedi sono arrivati, molto vicini, per dire G'Day.

Ho avuto la possibilità di aprire il coperchio del WASP che mi ha permesso di usare la mia fotocamera per scattare foto e foto d'identità. Mi sentivo un po' a disagio per quanto completamente imperturbabili fossero gli squali davanti al WASP ed erano molto, molto audaci, avvicinandosi sempre di più. Dopo aver dovuto usare la mia macchina fotografica alcune volte per respingerli, ho guardato al limite della mia visibilità e lì, che scendeva lentamente verso di me, c'era un grande squalo bianco davvero grande. Nuotare accanto a questo squalo era un grosso pesce pilota e non c'era da sbagliare su questo squalo, era "Fred" il maschio di 15 piedi. Fantastico ho pensato………mentre Fred ha fatto una lenta, deliberata, non minacciosa spirale verso il basso verso il WASP. Ho spremuto alcuni fotogrammi, l'unica parola che mi veniva in mente era "fantastico", questo era piuttosto sorprendente. Ora avevo almeno tre grandi bianchi che mi orbitavano da vicino e uno di questi era il maschio più grande con cui mi fossi mai tuffato.

Bene, questo è quando le cose hanno preso una marcia in più. Fred, invece di passarmi accanto, ha deciso di venire davvero a salutarmi. Ha appena nuotato lentamente e deliberatamente verso di me, ho sparato alcuni colpi mentre riempiva l'inquadratura con dettagli sempre crescenti. Stava entrando con una brutta angolazione, una che non avrebbe significato nessun colpo di occhiata, ma completamente a contatto proprio dove c'erano la mia macchina fotografica e la mia testa. Ora avevo aspettato troppo a lungo ea causa degli stretti confini della mia gabbia non potevo ottenere rapidamente la mia macchina fotografica e le luci stroboscopiche con me in tempo e certamente non volevo distogliere lo sguardo da Fred. Jeepers, non ho avuto altra scelta che lasciar cadere la mia macchina fotografica e lasciarla penzolare in modo allettante sulla sua breve linea di sicurezza appena fuori dalla gabbia mentre aprivo il coperchio e chiudevo il fermo di sicurezza.

Great White Shark Cage Diving Città del Capo in Sud Africa

Una frazione di secondo dopo, Bonnnnnnng. Fred mi ha colpito in pieno, probabilmente con 3000 libbre di muscoli curiosi. Il WASP barcollò, ma poi si raddrizzò. Quando mi sono voltato per vedere dove fosse Fred, ho visto che in modo orribile aveva reclutato un aiuto, il suo compagno più piccolo, di soli 12 piedi o giù di lì. Fred era tornato rapidamente indietro e ora entrambi erano entrati in perfetto unisono, generalmente avrei detto bellissimo, ma non in questo momento. Entrambi hanno colpito perfettamente allo stesso tempo, colpendomi rispettivamente a centro barca e leggermente sul fianco, anche se penso che la parola perturbante sarebbe stata più appropriata. Ovunque riuscissi a vedere c'era il Grande squalo bianco, ero davvero una parte inconsapevole della confraternita con le zoccole lunghe 50 cm che rimbalzavano sulla mia cupola.

Ho alzato lo sguardo sperando che Andy stesse girando questo, ma dove diavolo era Andy? La gabbia a mezz'acqua si era allontanata con la barca mentre il vento si era spostato e potevo vederli vagamente scomparire nell'oscurità. Ero solo con Fred e i suoi amici. Se due non erano abbastanza, un terzo squalo pensava che le cose fossero comode, non aveva sentito dire che tre erano una folla? Scherzo ora, ma per i successivi 15 minuti circa sono stato colpito prima in questo modo, poi in quello, li ho fatti mordere, spingere, spingere, guardare e colpire la gabbia da ogni angolazione. Onestamente pensavo di essere in un gioco del parco a tema molto pazzo chiamato "whack" the WASP e lo squalo vincitore è riuscito a mangiare l'occupante. Per tutto il tempo la mia macchina fotografica penzolava precariamente fuori dalla gabbia ed ero convinto che uno squalo l'avrebbe afferrata e poi avrebbe nuotato via con essa, solo per farla cadere probabilmente in un'area che non avrei mai trovato. 

Non voglio sembrare che sto esagerando con questo. Nel 1994 ho avuto un grande bianco di 10 piedi in una gabbia per un uomo con me per più di un minuto a Dyer Island, ho fatto kayak, stand up paddle boarding e apnea con grandi bianchi di tutto il mondo, in numerose occasioni, ma niente mai così pieno come questo. Alla fine, e non riesco a ricordare come o quando, ho avuto alcuni secondi per aprire il coperchio e riportare la mia fotocamera nel WASP, scavando la porta della cupola di vetro nel processo. Poi un'altra serie di Bong, ormai mi sentivo come il martello dentro la campana di una chiesa.

Dovevo fare qualcosa, così, lentamente tra gli assalti, sono tornato indietro lungo il percorso della mia linea di sicurezza, che si trovava sul fondo fino al punto in cui doveva essere la barca. Mentre andavo, gli squali sembravano riprendere fiato. Ormai la gabbia a metà dell'acqua era stata trasportata in superficie e mentre camminavo ho sentito che la linea alla base della mia gabbia veniva tirata, fantastico, c'era ancora qualcuno là fuori. Ora ho sentito la base della gabbia muoversi verso l'alto e improvvisamente sono stato capovolto, praticamente tirato a testa in giù in superficie.

Il Team Fred, per tutto il tempo che mi seguiva e di tanto in tanto mi picchiava, mi ha seguito. Deve essere stato il più grande gioco di Great White Shark di sempre. Potevo solo immaginarli raccontare ad altri grandi bianchi come si erano uniti a questo granchio eremita gigante giallo e nero e avevano terrorizzato la creatura al suo interno fino a quando non aveva nuotato con la coda tra le gambe fino alla superficie e fuori dall'acqua. Potrei solo sembrare che ridono stupidamente.

Quando sono arrivato in superficie, i WASP avevano diverse cicatrici di battaglia e stavo emotivamente oscillando tra il sentirmi eccitato e la sensazione di quello che diavolo era appena successo laggiù?

 Dopo questa immersione ho fatto molte altre passeggiate WASP, in effetti un'altra lo stesso giorno. Sapevo che, nonostante la loro forte eccitazione intorno a me, l'assalto era più per curiosità che per fame.

Detto questo, io per primo avevo un nuovo rispetto per il simpatico cliente squalo che il team di ricerca e immersione con gli squali della Nuova Zelanda chiama affettuosamente FRED e ogni volta che Fred passava di lì, entravo rapidamente nel mio guscio e chiudevo tutti i portelli. 

Noi offriamo immersioni nella gabbia degli squali a Città del Capo ed immersioni con gli squali in gabbia Gansbaai.

Condividi questo post

Blog correlati

Air Jaws: ancora più in alto
Documentari sugli squali

Air Jaws: ancora più in alto

Celebriamo Air Jaws Even Higher Nel 2002 Air Jaws Even Higher è stato commissionato e questa volta in concomitanza con le riprese a Seal Island

STATO DEL VIAGGIO

DOMANI

Martedì
27 Giugno 2023

Prossimo viaggio 28 giugno
11h45

*Stato del viaggio aggiornato quotidianamente alle 16:00 SAST